Perché un libro sull’infertilità

Questo progetto fotografico iniziato due anni fa è diventato un libro con un obiettivo preciso, quello di normalizzare l’infertilità, abbattendo un tabù che ci fa sentire difettose, inadatte ma soprattutto sole. Si parla poco d’infertilità, non ne parlano i media né a livello medico-scientifico, né a livello sociale. Eppure è un problema molto diffuso.

Frequentando le sale d’attesa più volte ho cercato qualcuna accanto a me con cui attaccare bottone e parlare di come ci si può sentire trasformate mentre passa il tempo aspettando il follicolo buono. Presto ho iniziato ad avvertire l’inadeguatezza nell’essere infertile, diversa, meno femminile e poco materna. Nella testa frullavano i sensi di colpa: “hai sprecato il tuo tempo, hai cambiato troppi partner, non ti sei accontentata e il tuo momento è passato. Hai lavorato troppo e, si sa, nella vita non si può avere tutto”. Tutti pensieri che ti fanno compagnia mentre aspetti un’anestesia o un esame nuovo. E nel frattempo fai i conti con la paura di abbrutirti, di invecchiare sola, senza essere mai stata chiamata mamma.

Forse è ora di accendere un faro su tutto ciò e su tutte queste donne in continuo movimento per avere un figlio. Questo libro, fatto di volti e storie di 100 donne, prova ad essere quel faro. Un faro che serve come orientamento emotivo e come luce per navigare.

Con questa volontà precisa, l’obiettivo della mia macchina fotografica si è fatto mezzo attraverso cui ogni donna ha potuto raccontare l'intimità della propria storia. Donne che, nella condivisione, hanno smesso di provare vergogna e si sono aperte con generosità e complicità. È allo stesso tempo anche una grande responsabilità per me, poiché un solo scatto riassume una storia, in molti casi durata anni, che ho cercato di sintetizzare cogliendone l’essenza. Ho raggiunto queste ragazze nelle loro città, tra l’Italia e l’Inghilterra, creando set a volte improvvisati. Le ho riprese con la luce naturale del sole, all’alba o al tramonto, col vento, con la pioggia, con il caldo. Le ho fatte arrampicare, entrare nell’acqua vestite e a volte abbiamo corso qualche rischio. Ma loro c’erano e si lasciavano raccontare tra mille sorrisi e con tutta la gamma delle loro emozioni.

"Una delle tante" è questo, un grande lavoro collettivo e anche uno stimolo ad alzare la testa e a sorridere, uno stimolo che passa attraverso 100 ritratti di donne coraggiose che, letteralmente “ci hanno messo la faccia”.

Ogni ritratto è accompagnato da un aneddoto, da un flash su una storia magari complessa, per gettare uno sguardo sensibile sul mondo dell’infertilità, in cui si spazia dalla frustrazione all'ironia, dallo sconforto alla speranza. Sono 99 ritratti più uno, il mio.

Sono Valentina e sono una delle tante

“Non ci siamo, il medico che ha aperto la porta chiamando il mio numero non mi piace. “16816” siamo alla seconda chiamata, che faccio? Le riviste le hanno già prese tutte, non posso fingermi distratta dalla lettura di qualche giornalino di gossip. Infilo la testa in borsa, a mo' di struzzo, il vantaggio di avere una borsa grande”...

L'autrice

Loredana Vanini nasce a Roma nel 1975. Spirito curioso e sensibile, le piace osservare il mondo e le sue sfaccettature da più angolazioni. Difficile vederla ferma davanti ad un ostacolo, il suo è uno sguardo che attraversa. Ed è proprio sbirciando attraverso il buco di una serratura, che da piccola scopre la fotografia. Dietro la porta chiusa, il bagno si trasforma in una camera oscura improvvisata dal padre. Tra l’odore pungente degli acidi da sviluppo e la vista delle immagini che prendono forma, nasce il seme di una passione che negli anni si rivelerà il suo destino professionale. Loredana arriva alla macchina fotografica con un percorso obliquo, misurandosi con i segreti della luce, le inquadrature e le pose, nei lunghi anni di backstage in cui lavora come make up artist al fianco di fotografi e registi. È un tempo utile in cui le competenze si affinano e i desideri assumono contorni definiti. A trentatré anni il suo occhio, allenato a cogliere atmosfere e suggestioni, si sposta dietro l’obiettivo, con un linguaggio visivo chiaramente riconoscibile. Iniziano le sperimentazioni con i cataloghi e i progetti creativi. Scatto dopo scatto, la macchina fotografica diventa lo strumento eletto per osservare il mondo e restituirne una visione personale. Il suo sguardo spontaneo e caparbio, cattura dettagli e unisce frammenti creando storie. Come la sua e quella di altre 99 donne che sono “una delle tante”. Con la diagnosi di infertilità Loredana entra in una realtà sconosciuta, fatta di donne dallo sguardo basso che silenziose affollano le sale d’attesa. Donne che i pregiudizi e i tabu hanno reso sole, ma che Loredana decide di raccontare con lo strumento che più la rappresenta. Nasce così il progetto fotografico “Una delle tante”, 99 + 1 storie attorno all’infertilità. Loredana vive e lavora come fotografa a Roma con molti progetti artistici in cantiere. Eleonora Pucci

E' importante per evitare problemi con le spedizioni, lasciare il proprio contatto telefonico.

più spese di spedizione

Grazie per aver acquistato il libro

il tuo ordine verra spedito al più presto